10/12/2018 - 13:12

Cambiamenti climatici: Ingv, a rischio molte aree costiere del Mediterraneo

L’INGV ha ospitato l’evento conclusivo del progetto europeo SAVEMEDCOASTS per la valutazione dei rischi costieri causati dall’innalzamento del livello del mare.

cambiamenti climatici

Si è svolta, presso la sede di Roma dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), la conferenza finale del progetto SAVEMEDCOASTS – “Sea level rise scenarios along the Mediterranean coasts – Scenari di aumento del livello marino lungo le coste del Mediterraneo”, finanziato dalla Direzione Generale per la Protezione Civile e gli Aiuti Umanitari dell’Unione Europea (DG-ECHO) per il 2017-2018.

All’appuntamento, importante occasione per un punto della situazione e uno scambio di informazioni sulla valutazione dei rischi costieri causati dall’innalzamento del livello marino, hanno partecipato Augusto Neri, direttore del Dipartimento Vulcani dell’INGV, i partner del progetto, AUTH – Università Aristotele di Salonicco, CGIAM - Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo, CMCC - Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, gli stakeholder (ISOTECH – Environmental Research and Consultancy, Cipro; PEDIN – Regional Union of Municipalities of Ionian Islands, Grecia) e la stampa.

“Alla giornata” sottolinea Marco Anzidei, primo ricercatore INGV e coordinatore del progetto, “ha partecipato anche l’officer della DG-ECHO, Dr. Liassides Panayiotis, che ha apprezzato le attività e i risultati ottenuti, nello spirito di servizio per le popolazioni costiere del Mediterraneo”.

Obiettivo dell’incontro è stato presentare lo stato dell’arte del progetto. In particolare, le motivazioni scientifiche e le fasi principali di SAVEMEDCOASTS che seguono le linee guida internazionali per la gestione integrata della fascia costiera e delle popolazioni residenti, le proiezioni di aumento del livello del mare lungo le coste mediterranee fino al 2100, le valutazioni degli impatti socio-economici dovuti alle inondazioni attese e legate ai cambiamenti climatici (utili all’adozione di misure di prevenzione e di mitigazione del fenomeno) e alcuni casi di studio sugli scenari attesi di inondazione costiera in Italia, Grecia, Francia ed Egitto, dovuti anche a tempeste e tsunami.

“Sulla base degli scenari climatici dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) e dei dati geospaziali analizzati da SAVEMEDCOASTS e condivisi attraverso un Web-GIS accessibile dal sito Web del progetto, sono state realizzate, inoltre, delle mappe ad alta risoluzione in grado di descrivere gli scenari attesi per aree specifiche che includono anche siti censiti dall’UNESCO”, conclude Marco Anzidei.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    #Fishgreen: l'appello dei pescatori sostenibili del Mediterraneo

    La voce dei pescatori artigianali e delle aree marine protette verso Bruxelles in coincidenza dell'incontro di ieri alla Commissione Europea sulla regolamentazione comunitaria che riformerà entro giugno l'intero settore. L'alleanza tra pescatori artigianali e aree marine protette nel primo Meeting...

  • Leggi
    30/06/2015 - 22:00
    Ambiente
    Allarme squali nel Mediterraneo, sono in pericolo di estinzione!

    Il progetto SharkLife è stato promosso dalla Ue con CTS capofila e FIPSAS, AGCI-AGRITAL, Cibm, Fondazione Cetacea Onlus, Parco Nazionale dell'arcipelago di La Maddalena, Area Marina Protetta delle Isole Pelagie. Cofinanziatori: Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, Parco...

  • Leggi
    05/08/2016 - 17:00
    Ambiente
    Dossier Wwf: Italia-l'ultima spiaggia per ridurre le pressioni su mari e coste italiane

    Lanciato oggi nuovo Dossier "Italia: l'ultima spiaggia - Lo screening dei mari e delle coste della Penisola". In 50 anni 2000 km di costa cementificati, 1860 km i tratti di costa liberi a buon grado di naturalità.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Gli oceani: alleati preziosi contro i cambiamenti climatici

    Il 14 ottobre Unep, Fao ed Unesco presenteranno a Città del Capo, in Sudafrica, la versione integrale del Blue Carbon Report, di cui, alcuni estratti, sono già stati diffusi il 6 ottobre, data simbolica dei due mesi che ci separano dalla Conferenza mondiale sul clima dell'Onu di Copenhagen.