22/02/2018 - 18:35

Cambiamenti climatici: al 2300 il livello del mare si innalzerà di 20 cm in più

Gli esperti dicono che posticipare le politiche climatiche dell'accordo di Parigi significherà, nel 2300 un innalzamento del livello del mare di ulteriori 20 centimetri.

 

cambiamenti climatici

I ricercatori del Potsdam Institute in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications hanno calcolato che rimandare anche di qualche anno le azioni necessarie per abbattere le emissioni di gas serra avrà effetti negativi sul pianeta. Gli esperti rivelano che nel 2300 il livello del mare si innalzerà dai 70 ai 120 centimetri rispetto al livello attuale se gli impegni climatici previsti dall'accordo di Parigi saranno rispettati. Se invece si tarderà ancora con le politiche climatiche riparatorie, ogni 5 anni di ritardo, nel 2300 il livello del mare salirà di ulteriori 20 centimetri.

Matthias Mengel del Potsdam Institute commenta: "L'innalzamento non è un problema lontano: è adesso. Solo che ora non riusciamo a vederlo, perché il sistema è molto lento. Il cambiamento climatico causato dall'uomo ha già programmato una certa quantità di innalzamento del livello del mare per i prossimi secoli", rileva Mengel. "Ad alcuni potrebbe sembrare che le nostre azioni odierne possano non fare una grande differenza, ma lo studio illustra quanto sia errata questa percezione"

Il riscaldamento globale, lo scioglimento dei ghiacciai montani, delle calotte della Groenlandia e dell'Antartide causano l'aumento del livello dei mari. Così come spiegano gli esperti, tutti questi fattori rispondono in modi e in tempi diversi a un clima più caldo, la risposta va da secoli a millenni.

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati