03/10/2016 - 12:46

Bioeconomia, Novamont: inaugurato a Bottrighe stabilimento Mater-Biotech

E' stato inaugurato ufficialmente lo stabilimento Mater-Biotech di Novamont a Bottrighe, in provincia di Rovigo, in cui verrà prodotto il butandiolo su scala industriale direttamente da zuccheri attraverso l'utilizzo di batteri.
 
Il butandiolo è un composto chimico derivato dal butano e ottenuto da fonti fossili, molto usato sia come solvente che per la produzione di plastiche, fibre elastiche e poliuretani, che vale un mercato di 1,5 milioni di tonnellate per circa 3,5 miliardi di euro all'anno, e che si stima nel 2020 raggiungerà 2,7 milioni di tonnellate con un valore di oltre 6.5 miliardi di euro. 
 
Novamont, partendo da una tecnologia sviluppata da Genomatica - società californiana leader nel settore della bioingegneria - ha messo a punto una piattaforma biotecnologica che partendo da zuccheri attraverso l'azione di batteri di tipo escherichia-coli (e.coli) opportunamente ingegnerizzati, li trasforma in biobutandiolo.
 
Dall'integrazione tra la ricerca e il know-how industriale Novamont con la rivoluzionaria tecnologia di Genomatica nasce quindi un prodotto che verrà realizzato su scala industriale, 30.000 tonnellate anno a regime, con un risparmio di CO2 pari ad almeno il 50%. Ad accrescere il profilo della  sostenibilità ambientale del biobutandiolo di Novamontanche l'efficienza energetica dell'impianto Mater-Biotech di Bottrighe, concepito per riutilizzare i sottoprodotti della lavorazione per il fabbisogno energetico dell'impianto stesso, ottimizzando così il ciclo di vita dell'intero processo. Ma la portata di questa innovazione, se collocata nell'ambito del progetto Novamont di bioraffineria integrata, va oltre la disponibilità di nuove tecnologie, di prodotti bio-based e del contributo che essi sono in grado di dare all'esigenza di "decarbonizzare" il pianeta. 
 
"Mater-Biotech è un tassello di un sistema di impianti primi al mondo e interconnessi al quale dobbiamo guardare come un formidabile acceleratore, come un punto di moltiplicazione di opportunità della filiera delle bioplastiche e dei chemical, per chi produce materie prime, per chi fa prodotti finiti, per nuove idee imprenditoriali, per la creazione di posti di lavoro, per chi si preoccupa di progettare un futuro di maggiore sostenibilità ambientale e sociale" ha commentato Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont.  "Con l'apertura dello stabilimento Mater-Biotech Novamont aggiunge un elemento fondamentale al suo modello di bioeconomia inteso come rigenerazione territoriale, che riparte da siti deindustrializzati o in grave crisi, rigenerandoli come vere e proprie "infrastrutture di bioeconomia" ha continuato la Bastioli. "Mater-Biotech, insieme ai centri di ricerca Novamont di Piana di Monte Verna e di Novara, costituisce una formidabile piattaforma per le biotecnologie industriali, dalla ricerca di base agli impianti flagship, - conclude Bastioli - un'occasione per creare un vantaggio competitivo in collaborazione con altre realtà del settore accademico e industriale" ha concluso la manager. 
 
A oggi sono 6 i siti che Novamont ha rivitalizzato e 4 le tecnologie prime al mondo realizzate e moltiplicabili secondo il modello di bioraffineria integrata nel territorio, in cui vengono messi a punto tecnologie e prodotti in grado di dare soluzioni concrete a problemi di ampia portata come, ad esempio quello della valorizzazione del rifiuto organico. Lo stabilimento di Bottrighe, a regime, darà lavoro a circa settanta persone e a 180-200 nell'indotto.
 
"Il Mater-Biotech è una grande scommessa di sviluppo sostenibile, che guarda coerentemente alla chimica verde come punto di forza del rilancio produttivo del nostro Paese in senso circolare" ha detto il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti commentando l'inaugurazione dello stabilimento."Da oggi in Italia c'è una fabbrica che rappresenta un 'unicum' nel mondo, che guarda al futuro con le migliori tecnologie al servizio di una produzione 'green', con una ricaduta positiva per il territorio, la riconversione di un sito dismesso e la riduzione delle emissioni di Co2. Ingredienti di un Paese che vuole crescere e che può farlo se saprà puntare senza esitazioni sull'innovazione verde" ha aggiunto Galletti.
Rosamaria Freda
autore

condividi su