19/05/2020 - 16:11

Auto elettrica: la ricarica a casa è la soluzione del problema

Smart mobility.

La possibilità di ricaricare l’auto elettrica a casa è la soluzione definitiva ai problemi di reperibilità delle colonnine.

ricaricare auto elettrica a casa

Sappiamo quali sono le critiche che più di frequente vengono mosse al mondo dell’auto elettrica: chilometri di percorrenza e difficoltà, almeno in Italia, di trovare colonnine per la ricarica, soprattutto in alcune aree del Paese.
Oggi è possibile ovviare a questo problema grazie al miglioramento delle capienze delle batterie e dell’efficienza energetica dei motori ma soprattutto grazie alla possibilità di ricaricare l’auto elettrica a casa, che è la soluzione definitiva ai problemi di reperibilità delle colonnine.
Ma possiamo davvero affidarci a questo tipo di sistema per evitare i problemi che, per molti automobilisti, sono ancora parte integrante dell’esperienza con le auto elettriche?
Sì, e vediamo perché.

1. Oggi serve ricaricare meno
Da quando in campo sono scesi i migliori gruppi dell’automotive a livello internazionale, le auto elettriche sono migliorate, e di parecchio.
Da un lato infatti si possono percorrere più chilometri, dall’altro i motori sono più efficienti, senza parlare del fatto che ulteriori migliorie permettono oggi alle auto elettriche di maggiore qualità di essere autonome anche per diversi giorni.
Quindi senza che ci sia la necessità di andare a ricaricare ogni giorno.
E questo è un grande vantaggio a prescindere dalla possibilità di ricaricare a casa, cosa della quale comunque andremo a parlare più avanti nel corso della nostra guida di oggi.

2. La ricarica fatta in casa è la migliore opzione e ci si può anche dimenticare delle colonnine
La ricarica fatta in casa è qualcosa di assolutamente ideale per chiunque voglia utilizzare senza limiti e senza preoccupazioni la propria vettura elettrica.
Sì, oggi è possibile installare dei caricatori da collegare direttamente alla corrente domestica e che permettono di caricare l'automobile durante la notte, o durante la pausa pranzo.
Così da non doversi più preoccupare di non avere sufficienti chilometri di autonomia a disposizione, perché appunto si potrà avere ogni giorno, al risveglio, tutta la carica di cui si ha bisogno per affrontare la giornata.
È il sistema ideale per chi vuole investire in un’auto elettrica, magari anche da usare come city car, in modo particolare nelle aree del nostro Paese che ancora non offrono una sufficiente copertura di colonnine di ricarica

3. La ricarica veloce garantisce tanti chilometri in pochissimo tempo
Altra possibilità che deve essere necessariamente citata è quella delle fast recharge, ossia le ricariche veloci, oggi sempre più presenti anche in Italia.
Si tratta di sistemi di ricarica che, compatibilmente con lo stato tecnologico della tua auto, possono regalarti tanti chilometri in più di percorrenza anche a fronte di pochi minuti di ricarica.
E il ricaricare l’auto elettrica diventa pratico tanto quanto fare il pieno di carburante, o quasi.
Per un passo in avanti di enorme importanza, che riguarda tanto chi è obbligato alle lunghe percorrenze, sia chi invece è davanti a situazioni di utilizzo principale in città.

La chiave rimane la ricarica in casa
Pensiamo che non saremo smentiti dai fatti quando affermiamo che il binario principale lungo il quale si sta sviluppando e dovrà svilupparsi la smart mobility sia quello della possibilità di fare la ricarica in casa.
Tutti i principali marchi oggi offrono la possibilità di procedere in questo senso e dunque di operare nel massimo dell’agio, anche quando si dovesse fare una scelta poco convenzionale - almeno oggi - come il mettersi alla guida di un’auto totalmente elettrica e non ibrida.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati