04/07/2013 - 18:46

Assobioplastiche: il mercato dei biopolimeri in Italia

Sostenibilità

Il mercato dei biopolimeri in Italia: 145 aziende attive per 1300 addetti e un fatturato specifico della filiera di 370 milioni di euro.

04/07/2013 Assobioplastiche ha affidato a Plastic Consult, società di consulenza privata e indipendente che dal 1979 svolge studi e analisi di mercato nel settore delle materie plastiche, l’incarico di eseguire uno studio sulla struttura del comparto dei polimeri compostabili. L’analisi, per dare continuità con il lavoro svolto nel 2012, include un focus specifico sul segmento degli “shopper” durante la fase di transizione dell’iter normativo.

L’analisi è stata svolta mediante un esteso lavoro di campo, attraverso il contatto con oltre 100 aziende di produzione, trasformazione e seconda lavorazione. Sono state effettuate oltre settanta interviste ad aziende della filiera.

I polimeri compostabili trovano sbocco in numerose applicazioni, che spaziano dagli shopper ai sacchetti per la raccolta differenziata dell’umido organico, al film per confezionamento degli alimenti freschi, a piatti, bicchieri e posate monouso, ai contenitori per gastronomia e catering, al film agricolo, alle preforme per bottiglie di acque minerali

I risultati dello studio indicano per il settore un numero di 145 aziende attive: si tratta di 16 produttori e distributori di materie prime, 77 aziende di prima trasformazione di polimeri compostabili e una cinquantina di operatori che effettuano seconde lavorazioni.

Per quanto riguarda gli addetti, le aziende identificate da Plastic Consult occupano complessivamente circa 1.300 unità dedicate alle lavorazioni dei polimeri compostabili. La filiera produttiva ha generato nel 2012 un fatturato specifico di circa 370 milioni di Euro.

I volumi di polimeri compostabili lavorati nel 2012 sono stati poco meno di 40 mila tonnellate, e l’andamento del settore è stato a due velocità. Hanno registrato un ottimo tasso di crescita numerosi segmenti tra cui si segnalano gli articoli monouso a +55%, grazie anche al traino delle forniture alle olimpiadi di Londra 2012, e il segmento dei sacchetti per l’umido +10% trainati alla diffusione della raccolta differenziata della frazione organica. Ha sofferto invece il principale mercato, quello degli shopper, fortemente penalizzato sia dall’incompletezza della normativa che ne ha visto l’utilizzo relegato quasi esclusivamente (circa l’85%) nell’ambito GDO, sia dalla progressiva diffusione delle borse riutilizzabili, fatto questo auspicato dalla legge e sempre sostenuto da Assobioplastiche.

Ipotizzando il completamento dell’iter normativo sugli shopper e l’estensione della raccolta differenziata dell’umido in tutta Italia, il settore potrebbe avvicinarsi rapidamente al miliardo di euro di valore e generare ulteriori progetti industriali nel territorio”, ha dichiarato Marco Versari, Presidente di Assobioplastiche.

***

Assobioplastiche - Associazione Italiana delle Bioplastiche e dei Materiali Biodegradabili e Compostabili – è stata costituita nel 2011 e rappresenta le imprese operanti, in Italia ed all’estero, nella produzione di polimeri biodegradabili e di prodotti finiti e nella gestione del fine vita dei manufatti realizzati con bioplastiche. Assobioplastiche ha sede a Roma ed è attualmente presieduta da Marco Versari.

www.assobioplastiche.org

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Wormy_Palbox_MM Design
    Leggi
    20/09/2021 - 17:54
    Economia
    Economia circolare. Wormy, la compostiera da plastica riciclata

    Dalla raccolta delle mele alla raccolta dell’umido. Il progetto Palbox-Smartplast: Wormy

  • Sacchetti per ortofrutta biodegradabili e compostabili
    Leggi
    20/01/2018 - 17:27
    Ambiente
    Bio shopper, ecco perché non sono consentite le buste portate da casa, se non monouso.

    Come vengono verificate biodegradabilità e compostabilità e perché non sono consentite le buste portate da casa (se non monouso). Il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI ce lo spiega mettendo in evidenza come i nuovi sacchetti per ortofrutta non siano solo una questione ambientale ma anche...

  • La plastica e' cambiata
    Leggi
    15/09/2021 - 17:54
    Economia
    La plastica e' cambiata

    Luoghi comuni e falsi miti: una campagna alla scoperta della plastica Al via un’indagine per comprendere quale sia la percezione dei consumatori nei confronti della plastica, le principali abitudini comportamentali, la sensibilità e la conoscenza della sua evoluzione in termini di circular economy...

  • Imballaggi in bioplastica: ridotto l'eco contributo da 1° luglio 2021
    Leggi
    07/05/2021 - 13:50
    Ambiente
    Imballaggi in bioplastica: ridotto l'eco contributo da 1° luglio 2021

    Su proposta di Biorepack, il Consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile, il Consiglio di amministrazione CONAI ha rideterminato il contributo ambientale per tutti gli imballaggi in bioplastica.