08/07/2013 - 20:49

Assicurazioni Generali, svolta ecosostenibile per il Leone

Il Gruppo Assicurazioni Generali ha avviato un programma di risparmio energetico per i prossimi anni. Il Leone si veste di verde.
Costo delle assicurazioni e del carburante e inquinamento sono le principali criticità che orbitano intorno al settore auto. Nel primo caso si può ovviare al problema utilizzando il web per porre le assicurazioni auto migliori a confronto in modo da individuare le più competitive. Nel secondo, si può optare per un veicolo alimentato attraverso carburanti alternativi, meno impattanti sull’ecosistema. Si tratta tuttavia di problematiche complesse; ciò nonostante, è possibile limitare il problema modificando alcune abitudini di consumo e attraverso un diverso tipo di approccio. A dare l’esempio è proprio un marchio del settore assicurativo, il Gruppo Generali, che prova a dettare la linea e a farsi portavoce di quel cambiamento che tanto gioverebbe in ottica ambientale.
 
Il noto gruppo di assicurazioni Generali ha deciso di avviare un programma per ridurre i consumi di energia, acqua e carta e utilizzare quasi esclusivamente carta ecologica, ponendosi come obiettivo il consumo di rinnovabili per l'80% del fabbisogno e del 95% per i materiali ecosostenibili. A dimostrazione dell'impegno green, la compagnia assicurativa Generali ha inserito il raggiungimento di questi traguardi all’interno del Bilancio di Sostenibilità del Gruppo, integrando il documento con la Carta degli impegni di sostenibilità e il Codice di Condotta per i dipendenti.
 
Il 2012 ha chiuso un triennio molto proficuo per il gruppo, che grazie al raggiungimento di tutti gli obiettivi che si era prefissato ha rafforzato il proprio impegno in ambito ambientale e sociale; proprio il successo della strategia verde avviata nel 2009 ha convinto i vertici del gruppo a rilanciare propositi “green” anche per il nuovo triennio.
 
Del resto l’eco-sostenibilità rappresenta un imperativo chiave per ogni fase della gestione, soprattutto per quel che concerne la strutturazione del patrimonio immobiliare; in questi anni Generali ha curato anche questo aspetto, ed oggi, oltre ad aver programmato importanti interventi finalizzati ad eliminare gli impianti maggiormente inquinanti, può vantare all’interno del proprio “portafoglio immobiliare” numerose strutture insignite del certificato Leed (Leadership in Energy and Environmental Design).
 
Grazie anche a questi progetti le prospettive pe run futuro ecosostenibile si fanno sempre più presenti: non basta questo però perchè l'iniziativa di pochi  deve essere bilanciata dall'impegno di molti senza i quali non ha senso parlare nè di sviluppo nè si sostenibilità.
SuperMoney
autore

condividi su