07/06/2017 - 19:36

Ambiente: presentata la plastica che pulisce il mare

Presentata in occasione della prima giornata di #All4thegreen la prima bioplastica in grado di eliminare l'inquinamento marino.
plastica
Potremmo essere difronte ad una scoperta in grado di rivoluzionare il settore della salvaguardia dell'ambiente marino. Parliamo della nuova tecnologia brevettata da Bio-on che impiega dei microrganismi in grado di degradare gli idrocarburi. Marco Astorri, CEO di Bio-on, intervistato da ilRestodelcarlino.it afferma: "La salute dei nostri oceani è a rischio per le milioni di tonnellate di inquinanti, sopratutto plastica e microplastica. Siamo partiti da questo problema e abbiamo creato ‘Bio recovery’: una soluzione che permette di eliminare l’inquinamento dal mare attraverso la natura".

Testato nell'Istituto per l'ambiente marino costiero del CNR di Messina, 'Minerv Biorecovery' sta dando ottimi risultati, come confermato da Simone Cappello, responsabile del progetto: "I microrganismi, sono batteri che hanno la capacità di degradare idrocarburi, attaccando la loro struttura molecolare. Sono presenti in tutte le acque del mondo, ma in quantità non sufficienti per permettere una sostanziale riduzione degli idrocarburi sversati. Grazie alla nostra bioplastica Phas è possibile invece favorire e accelerare il processo di trasformazione a CO2, il prodotto finale della biodegradazione, che non lascia tracce nell'ambiente e per la fauna marina".

Entusiasta anche il Ministro Galletti, presente all'apertura dei lavori che dichiara tutta la sua soddisfazione per il progetto in favore della salvaguardia dell'ambiente marino. Intervistato dal ilrstodelcarlino.it sulla questione Trump e l'uscita degli USa dagli accordi di Parigi sui cambiamenti climatici, il Ministro ha dichiarato: "Cosa ne penso della posizione di Trump sulla questione ambientale? È antistorica e non troverà corrispondenza negli Stati Uniti, perché oggi fare economia ambientale conviene dal punto di vista economico. Sono orgoglioso di essere qui per questo progetto; il governo italiano continuerà ad investire sull'economia verde, perché l’innovazione e la tecnologia sono la risposta agli attuali problemi ambientali. Il nostro G7 non deve finire, ma deve iniziare questa settimana".
Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati