01/01/2013 - 01:00

Ambiente: mancano i fondi per il dissesto idrogeologico

E' drammaticamente vero quanto detto oggi dal Presidente Napolitano sul fatto che «I disastri ambientali sono causati da regole non rispettate». Da anni infatti la regolamentazione a tutela del suolo e dei fiumi è chiara ma mancano i fondi e le autorità preposte per farla rispettare.
"Ancora una volta si tornerà inevitabilmente a spendere per le emergenze ma è urgente potenziare anche i fondi per la prevenzione, per la manutenzione del territorio e per applicare i piani di bacino" - ha dichiarato Stefano Leoni, Presidente del WWF Italia. In Italia non sono attuate le Direttive Quadro europee sulle Acque e quella sul rischio alluvionale. Sono infatti fermi i "Piani di gestione del rischio alluvionale" che le Autorità di distretto dovrebbero redigere secondo la direttiva sul rischio alluvionale in linea con la Direttiva quadro europea recepita a febbraio .

Purtroppo le Autorità di distretto non sono mai state istituite, un fatto grave se si considera che queste potrebbero rappresentare un rinnovato momento di coordinamento e pianificazione comune tra le istituzioni a tutti i livelli. Invece siamo di fronte ad un ulteriore momento di forte conflittualità tra Stato e Regioni con l'"empasse" che ne consegue. In tutto questo il WWF ricorda anche i pesanti tagli nei finanziamenti che tra il 2010 e il 2011 per i soli interventi di prevenzione per la difesa del suolo saranno dell'81% ( da 175 milioni del 2010 ai 32,7 del 2011).
Tommaso Tautonico
autore

condividi su