17/12/2014 - 13:00

Ambiente: grafene per bonifiche ambientali e trattamento rifiuti pericolosi

L'obiettivo è quello di testare sul campo i materiali a base di grafene prodotti da Directa Plus per il trattamento di acque, suoli ereflui gassosicontaminatida sostanze organiche. Ottimi riscontri ottenuti con il prodotto Grafysorber™dal progetto di depurazione dell'acqua dagli idrocarburi petroliferi nell'area dismessa di una raffineria in Romania.
I materiali a base di grafene prodotti da Directa (Graphene Plus) possiedono una capacità sorprendente nell'adsorbire inquinanti organici (in particolare idrocarburi)dalle acque, dai terreni e dall'aria. In particolare Graphene Plusha ottenuto nel 2013 la certificazione da parte del Ministero dell'Ambiente Italiano per l'impiego in mare nel caso di sversamento di idrocarburi.Graphene Plus è anche oggetto di un progetto di Directa Plus chiamato GEnIuS (GrapheneEco Innovative Sorbent), cofinanziato dall'unione Europea nell'ambito dell'iniziativa Eco-Innovation.
Directa Plusha trovato in Set Car-società rumena con 14 anni di attività nel campo della decontaminazione e smaltimento di rifiuti pericolosi - un partner ideale pertestaresul campo le applicazioni di Graphene Plus nel settore ambientale, specialmente nel campo delle bonifiche ambientali. A partire dalla scorsa estate, Set Car ha testato su scala di laboratorio la possibilità di rimuovere diverse tipologie di inquinanti organici tramite l'utilizzo di Graphene Plus. Gli incoraggianti risultati ottenuti in particolare con il prodotto Grafysorber™hanno spinto le due aziende ad intraprendere un primo test pilota su acque contaminate da idrocarburi.

Il progetto di depurazione è partito il 14 ottobre scorso,nell'area dismessa di una raffineria rumena, presso un bacino di circa 16.500 m3 di acqua contenente idrocarburi petroliferi in concentrazioni pari a 56 ppm (vale a dire circa 3 gocce di olio per ogni litro di acqua),per un totale di oltre 1 tonnellata di idrocarburo da rimuovere dall'acqua prima di poterla riversare nel corso d'acqua adiacente. Infatti, la concentrazione massima di idrocarburo richiesta dalla legge per lo scarico nelle acque superficiali è di 5 ppm. "5 g/m 3 di Grafysorber™ utilizzato come materiale scioltosono stati in grado di abbattere le concentrazioni di idrocarburo al di sotto di 1 ppmin soli 10 minuti di trattamento! - afferma l'Ing. Covaci Melchisedec, Manager Tecnico di Set Car- Il progetto è attualmente concluso. Sono stati trattati circa 16500 m3 di acqua contaminata ad un flusso di 16 m3/h (360 -390 m3di acqua trattati ogni giorno) in 2 batch da 4 m3. Per i prossimi progetti,abbiamo pianificato di implementare la produttività del nostro impianto di trattamento a 50 m3/h."

Giulio Cesareo, Presidente e AD di Directa Plus,molto soddisfatto della collaborazione con Set Car aggiunge: "La nostra società ha bisogno di collaborare con partner come Set Car. Set Car hauna forte esperienza nel campo della decontaminazione e, allo stesso tempo,un team consolidato di 50 ingegneri in grado di realizzare nuovi sistemi tecnologici idonei all'impiego ottimale dei nostri prodotti. Grazie al test pilotacondotto da Set Car abbiamo potuto confermare che Grafysorber™ rappresentala soluzione effettiva per la decontaminazione di acque contenenti basse concentrazioni di idrocarburi".
Il Direttore Commericale di Set Car SA, Sandu Balandichiara"Vogliamo esplorare le potenzialità di Graphene Plus nel rimuovere differenti tipologie di inquinanti da acque, suoli e reflui gassosi realmente contaminati ed utilizzarlo in altri progetti di bonifica ambientale a livello internazionale".
Marilisa Romagno
autore

condividi su