29/08/2017 - 18:40

Ambiente: diminuisce la capienza dei laghi del Nord Italia

A causa della siccità che ha caratterizzato questa estate, i grandi laghi del Nord Italia sono sotto la media stagionale per quanto riguarda la loro capacità.
ambiente
I grandi laghi del Nord si avvicinano ai minimi storici delle loro capacità: Iseo: 15%, Garda: 20,8%; Como: 20%; Maggiore: 25,5%. Al Sud sono soprattutto Calabria e Basilicata ad evidenziare un calo del 40% nelle scorte idriche, trattenute nei principali invasi. A darne notizia è l'ANBI, Associazione nazionale dei consorzi per la gestione e tutela del territorio e acque irrigue che evidenzia come il cambiamento climatico è ormai un dato strutturale; dal settore agricolo giungono quotidianamente dati sui deficit produttivi, che si stanno registrando per  coltivazioni ed allevamenti  a causa della mancanza di piogge e del gran caldo, che dura da tre mesi.

Accanto a ciò, va evidenziato un altro dato: la gestione irrigua ha comunque un costo, che molte colture non possono però sostenere, visti gli insufficienti prezzi riconosciuti dal mercato. Secondo gli esperti, quello attuale è il secondo anno più caldo del Pianeta dal 1880: la temperatura sulla superficie della terra e degli oceani è addirittura superiore di 0,90 gradi rispetto alla media del XX secolo.

I suoli si stanno essiccando anche a livello profondo con danni significativi per la sostanza organica e la fertilità dei terreni agricoli: i processi di desertificazione iniziano proprio con il ripetersi  frequente di condizioni climatiche come quella di quest'anno.

La pressione sulle risorse idriche è massima in tutto il mondo  -  commenta Francesco Vincenzi, presidente dell’ANBI - È molto diverso registrare una caduta di un centinaio di millimetri di pioggia in poche ore o spalmata su più giorni; si rischia così la continua alternanza tra i danni causati da rovesci temporaleschi  di estrema violenza  e lunghi periodi di totale mancanza di precipitazioni, che si traducono in cali di produzione agricola oltre che di sofferenza per l’ambiente". Una possibile risposta è nella creazione di nuovi invasi: ANBI ha presentato, d’intesa con la Struttura di Missione #italiasicura, un piano ventennale per la realizzazione di 2.000 nuovi bacini, grazie ad un investimento di 20 miliardi di euro; i primi 218 progetti, redatti dai Consorzi di bonifica, sono già definitivi ed esecutivi.

“All’inizio dell’autunno – conclude il direttore generale ANBI, Massimo Gargano- i  Consorzi di bonifica riproporranno l’annuale report per la riduzione del rischio idrogeologico; mettere in sicurezza il territorio da siccità ed alluvioni può essere un importante volano anche per la ripresa economica".
Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    12/07/2016 - 19:17
    Ambiente
    Goletta dei Laghi: alla ricerca di microplastiche sul Lago di Garda

    Mentre i tecnici erano al lavoro per il secondo giorno di campionamenti dell'acqua nei punti sensibili del Lago di Garda, in attesa dei risultati sulle analisi microbiologiche, l'equipaggio di Goletta dei Laghi di Legambiente ha incontrato il team di Foiling Week, nell'ultimo giorno della regata...

  • Leggi
    28/07/2016 - 14:30
    Ambiente
    Goletta dei Laghi 2016: allarme inquinamento per i laghi italiani

    Dal monitoraggio di Legambiente su 12 laghi analizzati è emerso che su 101 punti campionati il 50% è fuori dai limiti di legge. Monitoraggio di microplastiche in acque lacustri: 100 campioni prelevati in 22 ore di navigazione su 108 km percorsi Legambiente.