20/01/2016 - 19:39

Alimentazione sostenibile, CIWF lancia lo spot contro gli allevamenti intensivi

No agli allevamenti intensivi degli animali e sì ad una scelta alimentare eticamente corretta e consapevole.
 
E' questo il messaggio che CIWF Italia Onlus, l'unica associazione italiana no profit che lavora esclusivamente per la protezione e il benessere degli animali negli allevamenti, porterà dal 21 gennaio al 3 febbraio prossimi in 400 sale cinematografiche di 50 città italiane. 
 
Lo spot, che raggiungerà oltre 800mila spettatori, lancia la campagna "Non le mio piatto" che denuncia i tentativi di comunicazione deviante messi a punto dall'industria della carne sulla sostenibilità degli allevamenti intensivi e invita i consumatori ad acquistare prodotti più rispettosi del benessere animale, come quelli provenienti da allevamenti biologici o all'aperto.
 
Ma cosa sono gli allevamenti intensivi? Si tratta di forme di allevamento che utilizzano tecniche industriali e scientifiche per ottenere la massima quantità di prodotto al minimo costo e utilizzando il minimo spazio, tipicamente con l'uso di appositi macchinari e farmaci veterinari. La pratica dell'allevamento intensivo è estremamente diffusa in tutti i Paesi sviluppati: la gran parte della carne, dei prodotti caseari e delle uova che si acquistano nei supermercati viene prodotta in questo modo.
 
L'Unione europea è intervenuta più volte in materia di allevamento intensivo regolamentando, tra l'altro l'uso di farmaci negli animali, come gli antibiotici, che possono essere impiegati solo in caso di malattia e vietando la somministrazione di ormoni. Anche i reflui aziendali sono soggetti a rigidi regolamenti, volti a ridurrne l'impatto ambientale e diverse norme messe a punto dall'Ue vietano forme di trattamento degli animali giudicate particolarmente crudeli, come certi tipi di amputazioni o la costrizione in ambienti eccessivamente ristretti. Infine, sono soggette a norme comunitarie restrittive sia le condizioni igieniche degli stabilimenti che l'alimentazione degli animali. 
 
"Siamo fieri di portare nei cinema il nostro spot-verità, realizzato grazie alla generosità dei nostri sostenitori, cittadini italiani a cui, come a noi, stanno a cuore le condizioni degli animali negli allevamenti del nostro paese, dove il benessere animale è nella maggior parte dei casi il grande assente" ha dichiarato Annamaria Pisapia direttrice di CIWF Italia Onlus. "Un'assenza che l'industria che produce carne, latte e uova cerca di nascondere in tutti i modi con programmi di comunicazione pieni di informazioni ingannevoli che confondono i consumatori. Eppure il benessere animale dovrebbe essere considerato una componente basilare del cibo di qualità, quale quello italiano aspira a essere. Con la nostra iniziativa vogliamo compiere un primo importante passo verso quella trasparenza e corretta informazione che rappresentano i primi fondamentali passi verso il cambiamento" ha aggiunto Pisapia. 
 
Il video è nato dalla collaborazione fra la Copywriter Daniela Fabrizi e Nino Florenzano della milanese Maverick Adv
 
Clicca qui per guardare lo spot. 
Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su