23/01/2019 - 15:06

Al via Training4Food, progetto volto alla 'transizione ecologica' del settore food in Europa

La “transizione ecologica” del settore food europeo passa dalla formazione professionale e prende esempio da quattro "best practice" italiane.

Progetto Training4Food

Chico Mendes, Gruppo Cap, Hotel & Ristoranti Zero Waste e Protocollo Zero Positivo sono i quattro progetti italiani inseriti nelle linee guida del progetto europeo Training for Sustainable Food System Development. 

Obiettivo del progetto internazionale Training4Food è contribuire alla “transizione ecologica” del settore food in Europa creando e sperimentando un modello di formazione professionale che sviluppi nuove competenze professionali e nuovi posti di lavoro attenti alla salute dei cittadini e rispettosi dell'ambiente in campo agroalimentare, enogastronomico e turistico-alberghiero

Il sistema alimentare ha infatti un forte impatto ambientale ed è uno dei settori produttivi più esigenti in termini di consumo di acqua che nel ciclo di produzione va perduta o ridotta a rifiuto.

Nel primo anno di lavoro, i partner spagnoli, belgi e italiani del progetto (tra cui Fondazione Triulza, Fondazione Enaip Lombardia e Università della Cucina Mediterranea) hanno definito un programma di apprendimento online, con la creazione di linee guida, di contenuti e di strumenti didattici in grado di fornire ai giovani studenti e ai professionisti del settore un’immediata e trasversale conoscenza della dimensione economica, ecologica, nutrizionale e sociale dei sistemi alimentari sostenibili

Entro la fine del 2019 Sorrento ospiterà studenti del settore della ristorazione dei tre paesi coinvolti per testare il programma formativo e sarà lanciata una campagna di sensibilizzazione per promuovere una formazione di competenze basata sui temi della sostenibilità.

Quattro dei case study individuati nelle unità didattiche sviluppate riguardano organizzazioni o progetti italiani, scelti per la loro innovatività e trasferibilità: Chico Mendes, Gruppo Cap, Hotel & Ristoranti Zero Waste e Protocollo Zero Positivo.

La cooperativa Chico Mendes è la più grande organizzazione di commercio equo e solidale della Lombardia che da oltre 30 anni promuove sul territorio un'economia più giusta e sostenibile. 
Nel progetto europeo vengono evidenziate le importanti ricadute socio-economiche della strategia nuova e integrata di Chico Mendes di cui beneficia tutta la filiera, dal produttore del nord o sud del mondo al consumatore. 
Vengono illustrati il format “La buona bottega”, innovativo punto vendita, il rapporto di trasparenza e dialogo tra tutti gli attori coinvolti, l’inserimento lavorativo di persone in situazione di fragilità, la scelta di prodotti biologici e le attività di diffusione dei valori attraverso il coinvolgimento delle scuole e dei territori.
www.chicomendes.it

Il Gruppo CAP gestisce il servizio idrico integrato della Città Metropolitana di Milano e di diversi comuni delle province di Monza e Brianza, Pavia, Varese, Como
Considerata una delle migliori e più grandi utility d’Italia, è stata inserita tra i case study del progetto Training4Food per promuovere una gestione dell’acqua pubblica trasparente, responsabile e partecipativa multi-stakeholder, per l’importante attività di ricerca&sviluppo e per l’impatto ambientale e sociali del proprio operato. 
Vengono evidenziate le azioni per migliorare l'efficienza energetica, ridurre il consumo di plastica e le perdite di acqua potabile, ottimizzare il recupero dei fanghi e dell’acqua piovana per l'agricoltura, promuovere il valore, la qualità e il consumo dell'acqua di rubinetto, con positive ricadute per l’azienda, per i consumatori e per l’ambiente. 
www.gruppocap.it

Hotel & Ristoranti Zero Waste è un progetto nato da un’idea di Antonino Esposito e ispirato alla filosofia zero rifiuti di Paul Connett, applicata ai campi dell'ospitalità e della ristorazione
Promuove la sostenibilità ambientale e un’accoglienza più autentica e vicina all’uomo come “valore” di una nuova ospitalità che si allontana dalle logiche della globalizzazione e dagli standard asettici di una sopravvalutata “qualità”. 
Può essere applicato a tutti i ristoranti o hotel del mondo, in modo molto semplice ed economico, e comporta una diminuzione dello spreco alimentare, dei rifiuti in generale e del risparmio di denaro. 
Azioni principali: definizione di linee guide operative, formazione del personale e sinergie con le amministrazioni locali per ristrutturare le aliquote dell'imposta sui rifiuti in base alla quantità prodotta e alla qualità della raccolta differenziata effettuata. 
www.hotelrifiutizero.it

Protocollo Zero Positivo (PZ +) fa parte di una strategia di marketing territoriale applicata principalmente nella Penisola Sorrentina e nell'area di Napoli sviluppato dall’Associazione UCMed per inserire la Responsabilità Sociale tra gli elementi qualificanti nei settori del turismo e della ristorazione
È un percorso progressivo, personalizzato e compatibile con le esigenze aziendali e la forza economica e organizzativa, che può essere sottoscritto da qualsiasi azienda che vuole impegnarsi a rispettare i 10 valori PZ+
Per il progetto Training4Food questo Protocollo potrebbe diventare uno strumento molto innovativo e trasferibile di marketing territoriale partecipativo con il coinvolgimento delle comunità locali. 
www.ucmed.it

Finanziato dal programma Erasmus + il progetto Trainig4Food è in linea con la strategia UE “Europa 2020” e mette l'accento su una crescita economica e occupazionale intelligente, sostenibile e inclusiva.

Partner del progetto sono realtà di Belgio, Spagna e Italia che operano nell’ambito dell’alimentazione sostenibile, dell'economia sociale e del terzo settore, dell’istruzione e della formazione professionale

L’Italia è rappresentata dall’Università della Cucina Mediterranea e da Fondazione Triulza, rete delle principali realtà del terzo settore italiane che ha coinvolto nel progetto Fondazione Enaip Lombardia, specializzata nella progettazione, gestione e valorizzazione di attività di formazione professionale.

Gli altri partner internazionali sono: Pour la Solidarité - PLS (Belgio), Diesis scrl-fs (Belgio), FOR.E.T (Belgio), Koan Consulting (Spagna), EscolaSuperior d'Hostaleria de Barcelona - ESHOB (Spagna).

Competenze economiche, sociali, nutrizionali ed ecologiche sviluppate dal progetto formativo:

  • Area Nutrizionale: approfondire il concetto di diete sane e sostenibili, per comprendere come scelte alimentari adeguate consentono di preservare la nostra salute e contribuiscono a ridurre l'impatto ambientale e sanitario.
  • Area Ecologica: condividere pratiche di gestione intelligenti all'interno della catena di approvvigionamento alimentare, affrontando la complessa e dinamica natura degli ecosistemi ambientali e la poca conoscenza e comprensione sull'impatto che il sistema alimentare ha sul nostro ambiente.
  • Area Economica: evidenziare, attraverso le migliori pratiche che adottano un approccio sostenibile, come l'economia circolare e lo sviluppo locale sono un'opportunità commerciale di valore per il settore agroalimentare ed enogastronomico.
  • Area Sociale: esplorare modelli di business etici e inclusivi, approfondire la conoscenza del rapporto tra cibo, convivialità e tradizioni culinarie e la loro influenza negli stili di vita e nei processi produttivi ed economici.
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati