01/01/2013 - 01:00

Aerei alimentati con i rifiuti

In un futuro non troppo lontano potrebbe essere la soluzione a cui aderiranno le compagnie aeree più note. Gli aerei verranno alimentati con una miscela di bio-fuel ottenuta dalla trasformazione dei rifiuti.
La British Airways, colosso europeo dell'aviazione, ha annunciato che entro il 2014 comincerà a utilizzare il normale carburante avio con una miscela di bio-fuel prodotta da quattro impianti speciali della americana Solena, costruiti nei dintorni di Londra.
Questo eco carburante consiste in una miscela ottenuta dalla trasformazione di rifiuti organici: più precisamente, l'obiettivo della compagnia aerea è quello di convertire 500.000 tonnellate di immondizia/anno in circa 72 milioni di litri di bio carburante.
Ciò significa, in termini di sostenibilità, una significativa diminuzione dell'impatto ambientale e una riduzione del riscaldamento globale prodotto dall'invio di spazzatura verso le discariche che genererà, tra l'altro, oltre 20 megawatt di elettricità scaturita da fonti rinnovabili.
"Siamo seriamente intenzionati a ridurre del 50% entro il 2050 le emissioni di CO2 - ha spiegato Jonathan Counsell, Responsabile Ambiente di British Airways - l'accordo siglato da British Airways e Solena porterà alla produzione di una vera alternativa sostenibile al carburante da jet" e il risparmio, in termini di inquinamento, sarà pari a 48.000 auto tolte dalle strade.
Quello della British Airways è uno dei primi piani eco sostenibili in Europa per l'uso di bio carburante ma non l'unico.
Altre compagnie concorrenti sono pronte a miscelare il cherosene per aviazione con biofuel: Continental, Japan Airlines, Virgin Atlantic, Klm, Air New Zeland e alcuni jet militari americani hanno già effettuato prove di mixaggio dei due tipi di carburante verificando che volare spinti dall'immondizia non è un sogno, né uno scherzo, ma una concreta possibilità per il futuro dei nostri cieli.
Possiamo concludere dicendo che finalmente le cose si stanno muovendo nel verso giusto della sostenibilità e non possiamo che essere contenti del fatto che sono i grandi colossi come la British Airways che fanno da traino alle altre compagnie.
Marilisa Romagno
autore

condividi su