01/01/2013 - 01:00

Accordo per fronteggiare il dissesto idrogeologico in Italia

Dalla riunione avvenuta ieri presso il Ministero dell'Ambiente e' emersa la necessita di realizzare una strategia coordinata tra Stato e Regioni per fronteggiare l'emergenza idrogeologica nazionale. Il primo passo sara' definire, grazie ad un accordo di programma tra Ministero, Regione Sicilia e Protezione Civile, una serie di interventi per affrontare l'emergenza idrogeologica in questa regione.
I tecnici sono già al lavoro per vagliare le priorità d'intervento sulla base delle effettive criticità, con l'obiettivo di garantire la sicurezza delle persone e dei centri abitati.
La concertazione tra il Ministero dell'Ambiente, la Regione e la Protezione Civile eviterà una deleteria frammentazione decisionale, assicurando efficienza operativa e mettendo a disposizione in tempi rapidi le risorse finanziarie necessarie a far fronte al dissesto idrogeologico della Sicilia.
Il Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo ha commentato: "Finalmente si avvia una strategia coordinata e concertata tra Stato e Regioni per fronteggiare l'emergenza idrogeologica nazionale attraverso accordi di programma come quello in via di definizione con la Sicilia e con la Calabria. Si esce così dalla fase degli interventi scoordinati e a pioggia che hanno caratterizzato l'ultimo decennio e si potrà intervenire sui comparti più a rischio con misure organiche e con fondi adeguati. Purtroppo l'emergenza frane non dà tregua e impone a tutte le istituzioni decisioni responsabili e un'attenta valutazione delle situazioni di maggiore crisi. Quello intrapreso è un percorso che richiederà certamente tempi medio-lunghi e ulteriori fondi, ma è importante partire da subito per mettere in sicurezza le aree che destano più preoccupazione per l'incolumità delle popolazioni e per l'assetto del territorio".
Lisa Zillio
autore

condividi su