01/01/2013 - 01:00

A San Valentino regala il ranuncolo rosso

La Versialia, gia' capitale della stella di Natale, e leader nella produzione del ranuncolo con oltre 4 milioni di steli prodotti da 25 aziende specializzate tra la Versilia e Massa Carrara, lancia la moda del ranuncolo rosso a San Valentino, l'alternativa ecosostenibile alla rosa o al tulipano.
Eletto fiore simbolo dell'edizione 2010 del Carnevale di Viareggio, il ranuncolo rosso si pone come l'outsider low-cost e originale di questo San Valentino.
Infatti, secondo una stima di coldiretti Lucca (www.lucca.coldiretti.it), un mazzo di rose rosse costera' tra i 30-40 euro (tra i 3 e 5 euro il costo di una singola rosa) contro i 15-20 euro del bouquet di ranuncolo (tra 1 e 1,5 euro il costo di uno stelo).
Una valida alternativa, dunque, rispettosa dell'ambiente ed ecosostenibile grazie al ciclo produttivo completamente Made in Italy che lo caratterizza.
Francesco Ciarrocchi, direttore Provinciale Coldiretti, spiega infatti:"E' Made in Italy i bulbi che vengono distribuiti ai produttori vengono coltivati nel Ponente Ligure. La filiera tutta italiana che sta alla base del nostro progetto si materializza anche nella floricoltura".
"La Versilia - continua Ciarrocchi - e' una terra ricca di produzioni florovivaistiche e' leader per la stella di Natale, e di altre produzioni come i tulipani, e il ranuncolo che sta crescendo anno dopo anno tanto da essere considerato uno dei poli italiani. Il suo sviluppo e' dovuto a diversi fattori: in primis i fattori ambientali come il bassissimo impatto grazie allo scarso utilizzo di prodotti fitosanitari e a condizioni climatiche molto favorevoli, ma ci sono anche ragioni commerciali. C'e' una forte richiesta non solo in Italia, ma anche in Olanda, per le nostre produzioni che sono considerate di altissima qualita'. Fattori che stanno spingendo le aziende locali a specializzarsi".

 
Lisa Zillio
autore

condividi su