01/01/2013 - 01:00

A Philadelphia lo stadio diventa green

Go green è il motto dei Philadelphia Eagles che, dopo le campagne di sensibilizzazione sull'ambiente e sulla riforestazione, aggiungono un nuovo tassello: uno stadio energeticamente autosufficiente e in grado di produrre un surplus energetico da immettere nella rete nazionale.
 
Uno stadio di football è uno degli edifici più energivori al mondo con un consumo elettrico medio paragonabile a quello annuo di 26.000 abitazioni.
Con una dotazione di 80 turbine eoliche ad asse verticale, alta ciascuna 6,10 metri e con pale a spirale erette sulla parte più alta, 2.500 moduli fotovoltaici installati nei pressi dello stadio e sulle sue facciate esterne, impianti di co-generazione alimentati a gas naturale e bio-diesel per una capacità di 7,6 MW e una smart microgrid, un minirete intelligente in grado di garantire la massima efficienza, il Lincoln Financial Field diventerà completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.
 
Inoltre, in questo modo, anche le emissioni di CO2 verranno drasticamente ridotte.
Il progetto, che dovrebbe realizzarsi entro il prossimo settembre 2011, e' stato possible grazie alla joint venture tra le Aquile e la società energetica SolarBlue, che si occupera' della riconversione dell'impianto.
"Go big or go home" (dai il massimo o vai a casa) e' il motto di molte squadre di football.
Chissa che per le societa' non possa presto trasformarsi in "Go green or go home!"
 
Lisa Zillio
autore

condividi su